Speciali

Come scegliere una tastiera da gaming?

Scegliere una tastiera da gaming rispetto quelle normali è difficile per via delle tante funzionalità, switch e tecnologie proprietarie, oltre all’enorme vastità di aziende che offrono prodotti diversi per ogni tipo di giocatore, come appunto per i mouse di cui abbiamo già parlato. Per questo abbiamo creato una guida in grado di dare dei buoni consigli d’acquisto, in linea al vostro budget.

Switch meccanici

Uno degli elementi più confusionari di una tastiera meccanica sono gli Switch MX Cherry che hanno dei codici colore, che troverete sulla maggior parte delle marche. Tuttavia ci sono delle eccezioni: alcuni produttori di tastiere, come Razer e Logitech, hanno i propri interruttori meccanici personalizzati. Gli Switch meccanici sono molto diversi dai tasti presenti su su mezzi più economici, cioè quelle a membrana. Forniscono un feedback migliore e il segnale viene inviato più velocemente. Non sono per tutti però, quindi vale la pena provare prima di acquistare.
Cherry produce sei diversi tipi di interruttori per tastiere MX, che prendono il nome dai colori:

Switch  MX Blue 

Gli Switch Blue restituiscono un clic tattile nel momento in cui il pulsante viene attivato, il che significa che si ottiene un riscontro istantaneo per ogni sequenza di tasti, che rende il tutto molto soddisfacente.

Switch MX Green

Gli Switch Green sono simili ma richiedono più forza degli Switch Blue per essere attivati. Questi sono ottimi per scrivere e per la digitazione ma producono un forte rumore; quindi se ci si trova in ​​uno spazio di lavoro condiviso o vi sono delle pareti sottili, è meglio evitarlo.

Switch  MX Brown

Gli Switch Brown sono simili al Blue ma il “clic” tattile è molto meno pronunciato. Sono anche meno rumorosi dei loro fratelli Blue e Green, con un suono più simile a un urto che un clic, ma ha uno scatto meno pronunciato rispetto agli interruttori Brown e richiede meno forza per l’attivazione. Questi interruttori sono una buona via di mezzo per i giocatori che scrivono anche molto.

Switch  MX Red

Gli Switch Red non hanno click tattili ma possiedono una corsa estremamente breve. Questi sono gli switch più comuni sulle tastiere da gaming grazie alla loro eccezionale facilità e rapidità di utilizzo. Sono meno confortevoli per lunghi periodi di digitazione e la mancanza di feedback può risultare fastidiosa per alcuni.

Switch  MX Black

Gli Switch Black sono molto simili ai rossi ma richiedono più forza per l’attivazione.

Switch  MX Speed

Infine abbiamo i nuovi Switch Speed, che hanno un punto di attuazione molto piccolo, appena 1,2 mm.

Nonostante abbiamo descritto ogni Switch è davvero necessario provarli per determinare quale sia il migliore per le vostre esigenze. È possibile acquistare campionatori di interruttori MX dal costo superiore ai 10 €, oppure controllare se nei negozi di informatica più vicini sono già esposti questi prodotti. Gli Switch MX Cherry inoltre sono intercambiabili tra loro nella maggior parte delle volte. Le tastiere non Cherry  invece stanno diventando più comuni, con compagnie come Logitech e Razer che scelgono di vendere le proprie tastiere con i propri interruttori personalizzati. Nonostante ciò gli Switch Cherry dominano ancora il mercato anche se le alternative stanno diventando sempre più popolari.

Altre features

Molte tastiere da gaming hanno a disposizione degli extra che li distinguono dalla massa. Per esempio, alcuni verranno forniti con porte USB, il che significa che è possibile collegare le periferiche direttamente alla tastiera, senza doverli collegare al PC. Alcune sono anche dotate di pulsanti aggiuntivi per le scorciatoie da gaming chiamate macro, che possono essere programmate tramite il software del produttore. Altre ancora hanno addirittura delle porte jack per collegare cuffie e microfono. E come per i mouse vi sono tastiere con i led, alcune con un colore fisso e altre RGB, con effetti di vario tipo. Come detto per i mouse non sono obbligatori, ma ormai nella maggior parte delle tastiere da gaming i led sono la norma, vista la loro utilità nel caso di sessioni notturne.

Tastiere a membrana da gaming

Ho voluto inserire questa sezione perché c’è gente che non riesce ad acquistare delle tastiere meccaniche oppure vuole tenersi con un budget basso ma vuole avere una buona tastiera per giocare. L’unica cosa che c’è da dire a riguardo sulle membrane è che bisogna guardare principalmente la qualità costruttiva e se la tastiera aggiunge tasti macro/funzione oppure la retroilluminazione, e in questo caso assicurarsi magari tramite le recensioni che si vedano bene i tasti al buio poichè l’unica funziona utile dei led è appunto come scritto sopra, per le sessioni notturne. Rispetto le meccaniche non c’è bisogno di guardare gli switch poichè non ci sono.

Per giocare a livelli alti con una velocità di risposta più elevata possibile e con comodità le meccaniche sono consigliatissime anche se esistono delle tecnologie con switch a infrarossi uscite da poco che possono contrastare le meccaniche, ma ne parleremo più avanti. Riguardo le tastiere a membrana invece non significa che sono sconsigliate per giocare, vi sono tastiere a membrana che vanno benissimo e non vi faranno pentire di non aver acquistato una meccanica. Un esempio di tastiera a membrana da gaming di alto livello è la Logitech G510 di qualche anno fa che tra ben 18 macro, tanti tasti funzione, jack per cuffie e microfono, led RGBtecnologia proprietaria che accellera la comunicazione tra tastiera e PC e addirittura uno schermo integrato per vedere statistiche di gioco o informazioni varie la rendono un’ottima variante delle meccaniche.