Preview

Brawlout

Nel composito panorama dei giochi indie, non ne spiccano tanti che si possano annoverare alla categoria dei picchiaduro: per questo è un piacere Brawlout, un picchiaduro indie sviluppato da Angry Mob e prossimo all’uscita.
Entrato in early access su Steam nei primi mesi del 2017, e già rilasciato per Nintendo Switch lo scorso 19 Dicembre, l’uscita di Brawlout è prevista per tutte le console di ultima generazione (PS4, Xbox One) e per PC nel corso del 2018.
Brawlout è un picchiaduro che prende chiaramente ispirazione dal famosissimo Super Smash Bros, titolo Nintendo che ha rotto gli schemi dei tradizionali picchiaduro e ha creato un sottogenere tutto suo, con un gameplay unico e innovativo su tutti i punti di vista.
Brawlout è per certi versi un clone del celebre Super Smash Bros, ma non tutti i cloni sono delle brutte copie, anche se Brawlout non riesce a eguagliare il modello di riferimento sul piano del divertimento e della sfida. Perché?
Il titolo di Angry Mob non presenta intanto item utilizzabili in battaglia, non esistono armi da raccogliere, bombe da lanciare, oggetti che diminuiscono la percentuale o che evocano degli “aiutanti” che utilizzano una mossa speciale, componente che era invece molto importante nel gioco Nintendo.
Ciò trasforma Brawlout in un semplice picchiaduro senza l’indicatore di vita, in cui lo scopo dei giocatori è quello di buttare fuori dalla mappa l’avversario utilizzando solamente attacchi primari, secondari e combo.
Il gioco è tutt’altro che noioso, dopo un paio di partite si prende confidenza con i comandi che risultano semplici e immediati. Questo lo rende un gioco adatto a tutte le età, visto che non bisogna imparare combinazioni di tasti che permettano la riuscita di un determinato attacco. In Brawlout esistono solamente un attacco primario, un attacco secondario, una serie di semplici combo e una modalità Furia che ogni giocatore potrà utilizzare quando l’apposito indicatore sarà completamente carico.

Brawlout, in questa fase di early access, ha disponibili solamente 8 personaggi, quasi tutti zoomorfi e tutti con abilità e mosse diverse.
Per esempio: Pico, una rana wrestler, crea dei tornado per intrappolare il nemico e può utilizzare la sua lingua per avvicinare l’avversario o per appiccicarsi a lui e volargli contro; Olaf Tyson, un grosso tricheco accompagnato da un pinguino, ha l’abilità di congelare l’avversario, ricoprire il proprio pugno di ghiaccio per poi attaccare l’avversario, e quella di creare una lastra di ghiaccio per salvarsi da una caduta (una delle abilità più utili all’interno del gioco, a parer mio);
Tra i personaggi disponibili c’è anche il protagonista del gioco Hyper Light Drifter, che brandisce una spada e riesce a creare uno scudo atto a proteggerlo dagli attacchi nemici e che, se utilizzato vicino all’avversario, è capace di infliggere danni.
In tutto i personaggi utilizzabili nel gioco completo saranno 18, ma durante l’accesso anticipato non sono stati resi disponibili tutti quanti.

I personaggi si daranno battaglia in varie arene, e ognuno ha il proprio stage che riproduce le ambientazioni in cui vivono i vari animali di riferimento. Le arene hanno tutte la stessa struttura e si differenziano per skin e ambienti di contorno.

Una nota dolente è costituita attualmente dalla modalità online del gioco che, seppur in early access, dovrebbe garantire almeno un matchmaking online decente, per potersi confrontare con giocatori di tutto il mondo: purtroppo anche dopo decine e decine di minuti di attesa per una partita online non si riesce a trovare alcun avversario e si è costretti a giocare una partita in lan o una partita Player vs CPU.
Sembra un controsenso, visto che gli stessi sviluppatori hanno puntato molto sulla community, creando anche un server su Discord per poter accogliere tutti i giocatori che volessero trovare un compagno di squadra o per chi si voglia cimentare in sfide per mettersi alla prova.
In conclusione: mi sento di consigliare questo gioco a chi non abbia una console Nintendo per poter giocare a Super Smash Bros., visto che Brawlout è un’alternativa molto valida se messa a confronto ad altri indie del genere, ma aspettiamo la release definitiva per poter valutare con completezza un titolo dalle premesse certamente interessanti e che può offrire un buon livello di sfida e divertimento.

Articolo SuccessivoSpace Pirates and Zombies 2
Commenti (0)

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati da * sono obbligatori.